Scrivere

Carnevale di Venezia

Franco Scarpa
(Dialettali)

I vèrse a mezo zorno la gran festa
i colombi delo “stormo fedele”,
a Samarco nel filar de le stele
scortar dal ciel Colombina i se presta.

Cratura che de belezza ga vanto,
e che nela zampeta porta un messo,
de pase al Doge e nel mondo indefesso;
vederla arivar xe un grazioso incanto.

Pantalon xe ch’el zira fra la zente
a lodar co’ sesto le zovenète,
o su le lusenti boteghe darente
se diverte a brontolar co' burlète.

Fra lo sfilare de sti bei costumi
ócio ‘na bela tosata veneziana;
co’ un bel viseto, smeraldi per lumi,
crin d’oro, e mia ciacola al fior s'ingrana:

-zentil roseta, ti me fa pensar...
al più bel bócolo che silente aduna
nele arzentee rive dela laguna,
e che drento al mio cuor lo fa pulsar.

Ànema mia alora, cossa la prova
fra quela luse che ilumina el mar?
Chi da sta màscara de Casanova
soto sto sol ti voressi basar?

Xe la freve d’amor che me tormenta
co’ sta splendida musa che me tenta:
-supiada de siròco a consolar,
fra i coriandoli mi voria svolàr!
(1439 letture dal 14/02/2015)
Altre poesie di Franco Scarpa

<< scorri poesie >>
<< Franco Scarpa >>
2 commenti a questa poesia:
   «Venezia, si sa, è un incanto, e questa bella poesia in vernacolo da conferma dell'esaltante bellezza. Un estratto di storia questi pregiati versi omaggiano una città dalle inconfondibili e irripetibili atmosfere. Complimenti all'autore.» di Giovanni Chianese    «Tra i coriandoli vorrei volar dove il vento porta colori di lustrini e perle sfavillanti. Brilla la calma Laguna nello sventolar di crine e pizzi e sottovesti... Un dolce fascino tra le calli e i ponti dove amanti sospirosi nascondono il viso.
Incanto e magia tra voli di colombi e curate mascherine.
Bella e bella! Sospiri e sussurri in un arcobaleno che fa sognare, un "baseto"... anche due"
Molto apprezzata la dolce cantilena del dialetto veneziano che è dentro di me.
Complimenti!» di Mariasilvia
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.