Scrivere

Al brillar delle stelle

Umberto De Vita
(Natura)

Un'aurora brumosa
annuncia l'inverno
che avanza impietoso:
Si rabbuia all'istante
e il vento fugge e scrolla
severi filari di cipressi.
Un torrente
scorre sui sassi levigati:
discende, rigonfia e spumeggia,
scompare fra sterpaglie
d'una vecchia fiumara
e un'onda di suoni
sprigionata dal letto ciottoloso
s'infrange nelle ampie sponde.

Lontane sono
le voci di primavera
che di notte decantavano
il fruscio delle foglie
tra i miei passi,
nella silente gioia
al brillar delle stelle.
(75 letture dal 14/09/2017)
Altre poesie di Umberto De Vita

<< scorri poesie >>
<< Umberto De Vita >>
5 commenti a questa poesia:
   «Trovo come sempre il tuo testo intenso
di grande impatto emotivo e mirabile potenza
descrittiva che ferma il cuore e lo sguardo
tanto attento nella lettura a misurare
sensazioni e luce che il tuo testo pone.
Si nota l incedere della stagione invrrnale
e gli elementi naturali cadenzati in un movimento
tenue di malinconia.
Il mio sincero elogio» di Eolo    «è talmente bella questa poesia, che la lieve malinconia scompare, si alterna in mervigliose immagini della natura .Pare di viverla! Complimenti di cuore!» di Stefana Pieretti    «Il Poeta, nelle poesie sulla natura, riesce sempre a dipingere (col pennello dei suoi versi) il paesaggio. Questa volta è un paesaggio brumoso che annuncia l'inverno e una sottile malinconia serpeggia dentro il cuore. La primavera appare lontana e si sente un po' di nostalgia ma ritornerà ancora e sarà più bella che mai...» di Sara Acireale    «la primavera ormai lontana l'inverno si avvicina versi dipinti di nostalgica malinconia ma tanto belli ed intensi elogio sincero» di carla composto    «È lontana la primavera e l'estate già ci traghetta verso il gelido inverno. Le mattine sono poco soleggiate e la gioia nel vedere le stelle brillare appare distante. Pregevoli le immagini versificate con molteplici dettagli, che esprimono emozioni e sensazioni che prendono per mano il lettore coinvolgendolo. Il Poeta è un vero Maestro nello stutturare testi con contenuti riguardanti la meravigliosa Natura in tutte le sue stagioni... La mia ammirazione e stima per la bellissima opera.» di anna di principe
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.