Scrivere

L'han detto

Rosaria Catania
(Uomini)

Sei tu che l’hai detto
eri tu che lo volevi
eri e sarai un grande

Non per crear un caso
un Vincerò ed hai stravinto
su carta d'inchiostro era inciso il tuo amore
e ne profumava di lirica e passione

Sognavi cantavi pregavi
la sulla riva del grande oceano
il mare trasportò la tua voce
e le onde composero fili di musiche
come spaghetti vennero inghiottiti
per saziar l'anima di tutti

Sul laghetto Del lucevan le stelle
la Norma e La Cavalleria rusticana
su quel ridi pagliaccio
rovellaron i cuori
per specchiarsi la dentro la tua grande maestosità

bramava in te quel leopardo di note
intonavi con calma e grazie
con la raffica potente
sull’odor del tramonto ti sei arreso

Pescator di stelle
tutto solo nel Luccicar del sole
L'aida maestra tua
su amori e morte
han pettinato tutti i cuore
scolpendone su tutte le bandiere
un unico solo canto
il tuo... unico
(72 letture dal 14/09/2017)
Altre poesie di Rosaria Catania

<< scorri poesie >>
<< Rosaria Catania >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.