Scrivere

Fui un mezzo. e non un fine

massimo turbi
(Impressioni)

raccontai un parco di parole
bagnate dalle liriche
odorose di struggimenti
che fece  sussultare lo spirito
apice di bramosa magia d'incanti

fui un mezzo e non un fine
illuminando cio che ero già dentro
prima degli albori di quando mi scoprii
al centro del tuo universo
scoperchiando il vaso di pandora

non seppi dove mi portasse l'amore per lei
e forse al cuorr mio non importava
discese e risalite d'immense commozioni
celarono l'essenza nel sentirmi parte
dei suoi sguardi colme di nudità affine

e nelle sue mani grandi ancora
io vorrei dimorare assopito
fra i suoi turgidi seni bianchi
beandomi dell'assoluta armonia
nel percepirti come i caldi colori del'autunno

che avvolgono le fronde arriciate
verso la rugiada imminente
(30 letture dal 14/09/2017)
Altre poesie di massimo turbi

<< scorri poesie >>
<< massimo turbi >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.