Scrivere

Il demone bizzarro

Stefania Siani
(Amore)

Ho chiuso gli occhi,
e nel buio il tuo cuore
ho sfiorato .
Mi avevi detto
che fosse un posto
freddo e vuoto,
abitato da un demone
arrogante e bizzarro,
che fosse inutile
bussare alla sua porta,
non avrebbe mai aperto
a chi non porta maschere
sul viso.
Lo sguardo brucia e buca
più del fuoco,
più del ferro,
il silenzio è uno sparo.
Ho aperto gli occhi,
e nel buio ti ho sfiorato,
il demone si è inchinato,
e indietreggiando
è sparito.
(345 letture dal 13/01/2018)
Altre poesie di Stefania Siani

<< scorri poesie >>
<< Stefania Siani >>
3 commenti a questa poesia:
   «Può essere immortale e per davvero immemore, un istante d’amore, specialmente se vissuto con intensità e condiviso con sincero e sublime trasporto.
Cosa non può fare l’amore, quando è vero e profondamente autentico!
Esso, è un naturale mistero, che sfugge alla logica umana e riesce sempre a raggiungere il cuore di chi sa amare, passando anche attraverso sentieri tortuosi e disarmando persino i demoni, sino a farli inchinare alla radiosa beltà di un sì tale e nobile sentimento. Lirica piaciuta!» di Galante Arcangelo    «Quell’andarsene inchinandosi è un vero e proprio coup de théâtre» di Benito Ciarlo    «bella poesia in versi di forte impatto
scritta mirabilmente, elogi» di Stefana Pieretti
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.