Scrivere

Dove?

Rita Stanzione
(Amore)

Poi
tu solcherai le strade
io a ridosso il cielo
il nord sospinge il nord
come ombre e rumori
torrenti d’occhi
dove "Sono qui" dici
e giù l’hangar di luce, quanta!
con l’illusione che lo spazio
allenti sopra sotto
avanti indietro
e forse neanche una parola
ma l’aria, quella transfuga
dal freddo nei rossori
già chiara, avvolge.
Il dove che mi sbanda
in vuoto a sterno.
Dove? -mi sei da scia
un’aporia di vicinanza
mentre il paese
là disteso, dorme.
(67 letture dal 13/01/2018)
Altre poesie di Rita Stanzione

<< scorri poesie >>
<< Rita Stanzione >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.