Scrivere

La guerra del telecomando

Augusto Cervo
(Comicita')

Son le venti, è quasi cena
chi apparecchia qui in famiglia?
Si son tutti dileguati,
or succede un parapiglia.
Ma qualcuno un po’ col muso
mi sa che si è presentato,
le forchette sono storte
ed il piatto è rovesciato
Sul divan tutti seduti
ma chi deve cucinare?
Ho capito anche oggi pizza
prendo il cell. per ordinare.
Su rai uno le notizie,
mi vorrei documentare
ma la figlia adolescente
qualcos’altro vuol guardare,
che mi sale un gran nervoso
e mi metto a litigare
“figlia, figlia adolescente
molla a me il telegiornale”.
Ora inizia quel programma
dove siam tutti d’accordo
da vent’anni lo seguiamo
zitti, zitti tutti in tondo.
Poi riparte la battaglia,
“date a me il telecomando”
ma quell’arma assai potente
non la trovo neanche in bagno.
Dopo un po però assai stanche
se ne vanno al bel dormire,
finalmente son padrone
di quell’arma cosi’ ostile
che mi sdraio sul divano
e un bel film vorrei guardare
ma passati due minuti
già mi sentono russare. 
(120 letture dal 14/03/2018)
Altre poesie di Augusto Cervo

<< scorri poesie >>
<< Augusto Cervo >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.