Scrivere

Far filò ne la grépia

Luigi Ederle
(Dialettali)

Coando le sére
curte le se faséa,
a far filò se naséa
ne la scomoda staléta.
Done, vèce e bracotièle,
buteléti e moscardièi.
Ma tuti no’ se ghe staséa,
cossì noantri bastardièi
fenéimo ne le grépie
de le vache o de i bo.
Le bestie oltè a rumiar
no’ le ne disturbàa gnente.
Con na brassà de paja
se faséimo na cucèta
che par forsa l’éra streta,
ma noantri no’ ghe badàimo.
La cosa pì bela e ‘nportante...
l’éra, che i ne lassése fumar.
Ne na canéta de paja grossa
ghe ‘nfilàime rento, con atenssion,
n’àntra ‘n po’ pì finéta, piena
de filuméri ‘n po’ ùmidi.
Dopo tacàimo ‘n fuminànte,
tuto se faséa a pian pian,
e po’ tiràimo de coele fumè
grosse grosse e longhe assè.
Ma la bòssega tradìtora,
la ne fregàa sul pì belo,
e con ‘n par de scarpè
date forte sul de drìo,
fenéimo driti soto ‘l pòrtego,
là al fredo a meditar.
(757 letture dal 14/03/2018)
Altre poesie di Luigi Ederle

<< scorri poesie >>
<< Luigi Ederle >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.