Scrivere

Il vento che ti soffiò via

Sabyr
(Morte)

L’odore delle prime foglie morte
ha un cuore nudo di pioggia.

Io respiro questo autunno
nel suo abbraccio umido.

Mentre le giornate si accorciano
come la mia allegria.

Ricordo sai, il vento che ti soffiò via.

La sua crudeltà nel sospingerti
oltre il mio amore.

E come venne improvviso
in quell’amara stagione d’addio.

Restai impotente alla finestra del tempo
a cercare un ritorno impossibile.

Ricordo sai, il vento che ti portò via.

Quando sibilò il tuo nome
tra labbra di ghiaccio.

Quasi avesse voluto già essere un inverno
precoce e assoluto...

Oggi questo pianto di cielo
che mi cade addosso non consola.

Ho guance fredde e occhi d’acqua e sale
come in quel giorno che ti persi.

E questo vento che mi soffia via...
(72 letture dal 11/10/2018)
Altre poesie di Sabyr

<< scorri poesie >>
<< Sabyr >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.