Scrivere

Night Club

Pasquale Farallo
(Donne)

Dopo l’ultimo show si accasciò sul sofà
ormai stanca di ballare sulle punte
e non ne volle più sapere
di quel suo corpo ancor giovane e sodo
che a tutti offriva senza darlo a vedere
ma che a lei personalmente
non dava ormai più niente
nè il benché minimo piacere

Gli uomini accorrevano a frotte
ogni notte, anche dalle città vicine
perché era al suo massimo splendore,
chi si prenotava per una notte
chi solo per due ore
ma dopo, ad ogni risveglio
era lo stesso squallore
così un giorno decise di smettere

Riscattò quella vita di stracci e di lustrini
e smise i suoi vecchi abiti da lavoro
che messi tutti insieme
non coprivano neanche la metà
di quel suo corpo da sparviero
sinuoso e levigato, ma tanto usato ed abusato...
Così uscì in strada finalmente
a respirare una boccata d’aria pura

Un’aria del tutto nuova e diversa, si disse
l’unica che d’ora in poi
lei avrebbe respirato
non più quella densa e viziata
del night club dove lavorava da anni,
un’aria senz’altro più tersa e leggera
come non l’aveva mai annusata
e le parve davvero, quella, più pura e leggera

Questo fece di lei una donna libera e serena,
una donna vera...
e per la prima volta perfino sincera
(115 letture dal 12/10/2018)
Altre poesie di Pasquale Farallo

<< scorri poesie >>
<< Pasquale Farallo >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.