Scrivere

Niente è cambiato

moreno marzoli
(Spirituali)

Il mondo continua a girare indifferente
un uomo e la croce passa tra ali di gente
e Dolorosa la via quando si porta il peso
dell’altrui peccato ed essere poi vilipeso.

Io son qui peccatore sotto la tua croce
respiro di Te e sento la tua morte atroce
e quelle spine che penetrano la pelle
continuo a pregare anche se sono ribelle.

Non c’è pace in questo mondo piagato
quel velo del tempio è ancora squarciato
lassu su quel monte il tempo si è fermato
una Mater piangente, ma niente è cambiato.
(93 letture dal 20/04/2019)
Altre poesie di moreno marzoli

<< scorri poesie >>
moreno marzoli >>
5 commenti a questa poesia:
   «Il cuore... il fulcro del tutto. Grazie per questo testo intenso che sa arrivare al nocciolo del sacrificio del figlio di Dio per tutti noi. Intensa e forza delle parole.» di Antonella Luna    «Fino a quando non si deciderà di abbracciare il bene, nulla potrà ostacolare il male e tutte le brutture di cui si nutre... se la luce non illumina i cuori, non si potrà vivere in un mondo di pace... Niente è cambiato ... si deve essere bravi ad agire... Le parole non bastano quando i fatti latitano... Dobbiamo desiderare quella luce con forza e mettere da parte la cattiveria gratuita... la vendetta, l’egoismo e tutto ciò di umano che ci separa dal bene e dall’amore... amore per se stessi e per gli altri... Versi profondi e veritieri che fanno riflettere» di Giacomo Scimonelli    «Poesia di alto spessore sociale.
Condivido tutto anche la nota.
Sono tre strofe composte da versi in rima baciata che fanno riflettere molto.
Il cambiamento è impossibile se non ci mettiamo il cuore, se non facciamo i passi necessari per rinnovare il carattere, per fare entrare dentro di noi la luce del bene, dell’amore.» di Sara Acireale    «profonda osservazione contro
un mondo ormai indifferente
a tutto versi che emozionano
elogio» di carla composto    «una lirica che fa riflettere
una verità che fa male
in un mondo indifferente ...
grazie poeta e elogi di cuore!» di Stefana Pieretti
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.