Scrivere

"Un corvo venuto dall’Ade"

Stefano Canepa
(Morte)

Non hai dovuto dire
troppe parole per annientarmi
perché io sono l’ombra
non avevo peso nella tua luce

Non hai provato nulla
quando le labbra si sono dischiuse
e un vento leggero
ha soffiato la polvere per te

Io mi sono inchinato
e sono volato via sulle ali nere
di un corvo venuto dall’Ade
scegliendo il silenzio

Il nulla al posto del sole
e un alone d’argento
nel contorno del buio notturno
con un’unica Dea dalla mia parte

La luna dalle tenebre eterne.
(81 letture dal 01/05/2019)
Altre poesie di Stefano Canepa

<< scorri poesie >>
<< Stefano Canepa >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne č vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore č punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.