Scrivere

La semplicità

Pasquale Vulcano
(Introspezione)

E quando il ticchettìo
della pioggia sui vetri,
ti fa porre l’orecchio ad ascoltare;
quando incantato segui con lo sguardo,
della farfalla il volo e il cuor si apre
e gli occhi non distogli da quel fiore,
che si bea del suo bacio;
quando raccogli l’acqua d’una limpida
sorgente con le mani e ti disseti;
quando la vita ti regala l’alba
ed il tramonto, e profumi e colori
e canti tutt’intorno
e quella melodia ti tocca dentro;
quando di notte ascolti il lungo canto
dei grilli, o delle lucciole
l’intermittente luce pur ti affascina,
o ti commuove una piccola goccia
di rugiada, che scivola
sì come perla sulle verdi foglie,
o senti la carezza
del vento, che scompiglia i tuoi capelli,
o quando abbracci le cose più semplici
che la natura porge...
allora dentro alberga l’armonia,
un cuore puro e semplice,
che abbraccia il mondo e gode
d’ogni piccola cosa, d’ogni alito
di vita, che respira,
che palpita e si muove;
possiedi allora la semplicità
e ti presenti nudo come sei,
col cuore aperto e senza falsità!
(259 letture dal 11/06/2019)
Altre poesie di Pasquale Vulcano

<< scorri poesie >>
<< Pasquale Vulcano >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.