Scrivere

Er Somaro

Eugenio Zoppis
(Dialettali)

Chi so’ io? Io fui quer somaro,
che portò nostro Signore fra le palme,
senza compenzo de gloria né danaro,
drentro a le porte de Gerusalemme.

Tra le nerbate che me presi io
ner trasportà quer Santo a la Passione
e li osanna pe’ chi rippresentava Iddio,
li grazzie li pijò solo er padrone.

Poi se sa, che Gesù Cristo risorto salì ar Celo,
e inzino er ladro in croce se sarvò quann’era l’ora.
In quanto a mmé, che er basto ha consumato er pelo,
nun toccò gnente: nun va mai in paradiso chi lavora!
(60 letture dal 16/06/2019)
Altre poesie di Eugenio Zoppis

<< scorri poesie >>
Eugenio Zoppis >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.