Scrivere

"L’unica cosa"

Stefano Canepa
(Riflessioni)

Vorrei svegliarmi
e scoprire che è stato
solo un sogno
a colorare la notte di nero

Vorrei sbagliarmi
e non essere costretto
a maledire
ogni forma di speranza

Quando il buio diventa
l’unica cosa
fra le tante ombre
che si può respirare

La tenebra
scorre come il sangue
e invade
le due rive del giorno

Tra odio e luce
non sempre c’è distanza.
(179 letture dal 17/06/2019)
Altre poesie di Stefano Canepa

<< scorri poesie >>
<< Stefano Canepa >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.