Scrivere

Quella sottile voglia di Édith Gassion

Salvatore Pintus
(Donne)

Le pupille cobalto
giocano isterìe
sul carisma
del ramarro che ammalia
e infingono
le tue storie d’amore
e noia.

T’affacci
stropicciata in vestaglia
nell’attico
in cui, dea,
nasci ogni notte
a raccontarmi
di amore e d’altri mondi.

E provi ancora
a cantare
nel vento che, schiumoso,
attacca l’evidenza
d’un’estate di senso
e granita di mango:
e sfugge
quella voce,
roca di troppo fumo
e follie
in déshabillé.

Édith,
usignolo,
canta solo per me...
(550 letture dal 18/06/2019)
Altre poesie di Salvatore Pintus

<< scorri poesie >>
<< Salvatore Pintus >>
3 commenti a questa poesia:
   «Versi intensi dedicati alla grande Edith, mi hanno fatto sognare! Plauso!» di Marinella Fois    «Edith Piaf
una voce che entra nell’anima ...
ti prende e ti porta a volare tra note sublimi
e il bravo poeta ce ne regala
una dedica viva
molto bella e apprezzata con elogi!» di Stefana Pieretti    «Un originalissimo cantico poetico, sulle cui
note arpeggia l’immagine d’un’intramontabile
diva, fascinosa e ammaliante...
Versi apprezzati» di Silvia De Angelis
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.